Parole vuote  · 23. agosto 2020
Lasciati a questo presente tutto è assunto/assorbito dal “mercato” e dalla sua realtà di assenze/ desideranti e subdole come consumo di corpi e di stati di coscienza; la letteratura –e non il letterario- è del tutto assente: “non c’è più dibattito…

Parole vuote  · 10. agosto 2020
Operare in silenzio. Così scrive John Ruskin pensando a tutti i “discorsi intelligenti” che invadono le nostre vite. Ha scritto e scrive, in senso metaforico, per tutti quelli che provano, sgomenti, orrore per il rumore del mondo.

Arte in questione · 25. luglio 2020
Nel mio vivere quotidiano intreccio un dialogo costante e continuo con i miei fantasmi incrociando il passato con la cronaca culturale e i piccoli fatti di un paese paralizzato e muto come il nostro dove ancora oggi la cultura e la storia dell’arte sono, di fatto, cenerentola dello spirito.