Sergio Armaroli | Fritz Hauser

Structuring The Silence

TRACKLIST

 

CD1

1. Structuring The Silence: part one

2. Structuring The Silence: part two

3. Structuring The Silence: part three

4. From A to G

 

CD 2

1. afterSILENCE

2. Impro 1a

3. Impro 1b

4. Impro 1c

5. Impro 1d

6. Iride

7. Impro 2a

8. Impro 2b

9. Impro 3

10. Impro 4

11. Anathem | 1

12. Anathem | 2

13. Anathem | 3

 

All compositions by Sergio Armaroli except CD2 (2,3,4,5,7,8,9,10) by Sergio Armaroli, Fritz Hauser (Dodicilune edizioni) SUISA

 

PERSONNEL | MUSICISTI

Sergio Armaroli

vibraphone, percussion, glockenspiel, crotales, electronics

Fritz Hauser

drum-set, percussion

 

www.dodicilune.it

CD DODICILUNE DISCHI Ed368

 

BookletCds.pdf
BookletCdsED368.pdf
Documento Adobe Acrobat 6.2 MB

     Photo by Fritz Hauser

HABITAT in percussion music 

 

From an idea of a "percussion theater" as a percussion duet: a sound research through improvisation and a minimum composition, within an architecture of emptiness and silence, like a sonic landscape as a place of ecological listening.

 

 

The execution is understood as "living sculpture" in a constant process of dialogue: percussion conversation.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Da un’idea di un “teatro della percussione” come percussion duet: una ricerca sonora attraverso l’improvvisazione ed una scrittura minima, all’interno di una architettura del vuoto e del silenzio, come un paesaggio sonoro quale luogo di ascolto ecologico.

 

L’esecuzione è intesa come “scultura vivente” in un processo costante di dialogo: percussion conversation.

Silence has been an essential element of my percussion playing since the very beginning. Developing sounds out of silence, fading into silence, stopping a cymbal crescendo to let the silence explode into space. These were some of the elements I used a lot, and I still do. Then I met John Cage, who wrote a piece for me. One of his number pieces -one4- , and depending on how you deal with the given elements and performance rules, you end up with a lot more silence than I was used to. Silence that makes you listen, silence that makes you think. Silence that can frighten you, but also silence that gives you peace, and hope...

 

Sergio Armaroli is a percussionist/composer who has given much more than just a thought or two to silence. He has made an extensive research on composing techniques, and improvising concepts. He has explored all possible ways to deal with silence and he has put these reflections into the concept pieces of STRUCTURING THE SILENCE. Playing with him, and creating silence with him was both a pleasure, and a challenge: Silence is an endless ocean, sound is the vessel to travel on it...

 

Fritz Hauser

BrochurePresentazione.pdf
Documento Adobe Acrobat 373.7 KB

reviews | recensioni

"... due cd nei quali la base è costituita da quella che viene chiamata "improvvisazione non idiomatica" cioè improvvisazione non nata da melodie definite [...] ma che si forma da brevi spunti concordati e da "incroci" spontanei, e pertanto musica "irripetibile" per dirla con Derek Bailey.

Il primo Cd contiene un brano di ampio respiro suddiviso in tre movimenti, "Structuring The Silence" dove l'interplay tra il batterista svizzero ed il percussionista italiano da la dimostrazione di quanto possa essere interessante sviluppare il tema dell'improvvisazione non idiomatica offrendo all'ascoltatore continui e forti stimoli per riflettere su questo linguaggio musicale.

Il secondo cd contiene invece otto brevissimi ed interessanti spunti improvvisativi, una breve suite in tre movimenti, "Anathem" ed un lunghissimo brano di venticinque minuti, "After The Silence" ascoltando il quale mi sembra davvero difficile pensare che Armaroli ed Hauser non abbiano preso "accordi" prima di iniziare il processo creativo che mi è sembrato sempre fluido e molto piacevole all'ascolto.

Immagino che dal vivo poco resti di quanto inciso qui, anzi me lo auguro: se improvvisazione deve essere, lo sia fino in fondo, concerto dopo concerto e nota dopo nota. Paradossalmente Bailey diceva che questa è musica che va ascoltata una sola volta, la seconda ti fa perdere già lo spirito della sua creazione istantanea; stavolta non ho seguito il chitarrista inglese, e questa musica me la sono proprio gustata più e più volte. Fatelo anche voi.

 

Alessandro Nobis, il DiapasonBlog