Società | Considerazioni impolitiche

Il virus ha derubato l’umanità dal controllo: contemporanea nevrosi. La sua imprevedibilità è il vero problema con cui convivere. Una società del controllo numerico non concepisce l’errore se non come eccezione all’interno di una logica stretta di causa-effetto. I dati ci sfuggono perché la vita non è misurabile se non come qualità intuita. La scuola deve ritrovare questa sintonia con l’imprevedibile-possibile e abbandonarsi lasciando germogliare la speranza.
Ci siamo illusi di vivere in un mondo libero dimenticando che la libertà è libertà individuale, responsabilità e riconoscimento dell’Altro nei diritti e nei doveri, o non è; dove l’Altro è il diverso come minoranza, il differente come identità e cultura; il mio prossimo: mondo animale e vegetale, il pianeta terra e il suo equilibrio fragilissimo. La pandemia è l’altra faccia della globalizzazione. La bio-politica illiberale passa purtroppo attraverso la medicalizzazione della...